La trasformazione delle catene di approvvigionamento è in pieno svolgimento. Come in molti altri settori, si sta sviluppando una consapevolezza della sostenibilità e della responsabilità sociale, la responsabilità sociale delle imprese.

La logistica moderna, che si è evoluta negli ultimi decenni e ha portato a catene di approvvigionamento più complesse, viene ora messa alla prova. L'interazione tra i molti fornitori, le aziende di trasporto, i siti di produzione e di distribuzione non deve solo funzionare senza problemi. Oltre al rispetto delle norme legali e sociali in tutta la catena del valore, i rischi devono essere riconosciuti e minimizzati per tempo.

Outsourcing: non si può consegnare la responsabilità

La distribuzione di singoli compiti o di intere divisioni aziendali a subappaltatori e fornitori di servizi è un mezzo popolare per risparmiare sui costi, tra le altre cose. Soprattutto qui, un'analisi completa è necessaria per valutare meglio i rischi. Oltre ai fattori economici, si dovrebbe verificare in anticipo se la cooperazione a tutti i livelli soddisfa i requisiti e i valori propri dell'azienda.

Perché i rischi e le violazioni che non si vedono all'inizio possono diventare rapidamente il proprio problema. Se il fornitore a monte ha un problema, diventa il problema del fornitore. Questo a sua volta diventa il problema del fornitore stesso nel tempo.

L'analisi dei rischi inizia nella propria azienda

Il requisito centrale del Supply Chain Sourcing Obligations Act (LkSG), che è stato approvato nel giugno 2021, è l'esecuzione di un'analisi dei rischi e l'attuazione di un adeguato

Misure all'interno del sistema di gestione dei rischi. Se già esiste, il sistema di gestione della conformità o il sistema di gestione dei rischi viene integrato, altrimenti viene stabilito.

L'analisi dei rischi delle intere catene di approvvigionamento implica un audit inter-aziendale ed è di conseguenza complessa. Nel processo, ogni azienda con cui si collabora deve essere esaminata individualmente e sistematicamente per identificare, valutare e minimizzare i possibili rischi (di conformità). Questo include, tra le altre cose, il rischio di inadempienza, specialmente con i fornitori esterni.

Lo stato attuale può essere determinato per mezzo di un questionario, per esempio, e i risultati sono valutati e messi in ordine di priorità da esperti. I singoli risultati insieme formano il potenziale di rischio complessivo.

Attuazione dell'analisi dei rischi

I risultati dell'analisi devono poi essere convertiti in misure preventive e i rischi affrontati attivamente. L'obiettivo è sempre la minimizzazione efficace del rischio all'interno della catena di approvvigionamento. La relazione tra i costi e lo sforzo gioca un ruolo importante qui e anche la questione se ulteriori rischi potrebbero sorgere come risultato di certe misure.

Se si verifica o minaccia di verificarsi una violazione concreta del dovere di diligenza, devono essere avviate misure immediatamente dopo esserne venuti a conoscenza, che porteranno alla cessazione della violazione.

Se questo non può essere implementato prontamente, per esempio presso un fornitore, deve essere sviluppato un concetto. In caso di violazioni gravi, può essere presa in considerazione anche la cessazione del rapporto d'affari.

L'analisi, le misure e la correzione di eventuali violazioni non è una questione una tantum. L'audit dovrebbe essere ripetuto annualmente come parte di una valutazione globale del rischio o su una base ad hoc.

Perché solo una supervisione continua porta a una gestione dei rischi della catena di approvvigionamento di successo. Per esempio, l'introduzione di un nuovo prodotto o una nuova collaborazione con un fornitore è un'occasione adatta per ripassare il processo.

Gestione strategica del rischio

Eventi imprevisti possono paralizzare intere catene di approvvigionamento. Negli ultimi mesi, la pandemia di Covid 19 ha mostrato quanto velocemente si può raggiungere un tale stato e cosa è poi veramente a fuoco: l'approvvigionamento di base. La pianificazione strategica e una sana gestione del rischio possono prevenire il crollo e preparare l'azienda a tali crisi.

La pianificazione strategica e la sana gestione del rischio possono prevenire il collasso e anche preparare l'azienda a tali crisi.

Anche se all'inizio pensate che eventi come pandemie o disastri naturali non possono essere pianificati, ad un esame più attento vi renderete subito conto che queste o simili crisi si sono già verificate in passato. L'India in particolare è il campo di addestramento perfetto per la gestione delle crisi. Da ogni evento vissuto si devono trarre lezioni e conseguenze per le crisi future.

L'agilità gioca un ruolo cruciale in questo. Come richiesto in tutto il mondo del lavoro, anche le catene di approvvigionamento devono essere adattabili e flessibili. I cambiamenti nell'ambiente non dovrebbero portare al collasso, ma allo sviluppo (aziendale). Una concentrazione su una catena di approvvigionamento ottimale in termini di costi non funzionerà a lungo termine. Un'attenzione alla sostenibilità e alla flessibilità, insieme alla gestione strategica dei rischi, permetterà di avere catene di approvvigionamento stabili.

 

 

Conoscete il potenziale di rischio delle vostre catene di approvvigionamento? Il nostro team di WB Risk Prevention Systems può aiutarvi a identificare e mitigare i rischi nella vostra catena di approvvigionamento. Scrivici!